Ieri è stata la Giornata Mondiale dell’Ambiente, ma in pochi se ne sono accorti. Perché?

Se siete tra i pochi che se ne sono accorti, bravi. Perché diciamo la verità, che ieri fosse la Giornata Mondiale dell’Ambiente è sembrato interessare davvero a pochi. Giornali, tv e social network hanno preferito parlare di tutt’altro, perfino di riforma elettorale, semipresidenzialismo e premio di maggioranza. Come mai? Eppure l’emergenza ambientale è tutt’altro che finita. A livello globale i cambiamenti climatici offrono segnali inquietanti e la deforestazione del pianeta avanza nonostante le migliaia di appelli, mentre a casa nostra non si trova una soluzione per gestire i rifiuti in modo civile in buona parte del meridione, la perdita di suolo non si interrompe nonostante la crisi e l’industrializzazione barbarica dei decenni passati presenta il conto amaro (il caso dell’Ilva è emblematico, ma non è il solo). Tuttavia la Giornata Mondiale dell’Ambiente in Italia è passata inosservata. Avanzo due ragioni. La prima riguarda il significato dell’evento stesso. Partita anni fa con l’intenzione di sensibilizzare l’umanità di fronte ai pericoli che corre il nostro Pianeta, la Giornata Mondiale dell’Ambiente, al pari di altre manifestazioni simili, si è trasformata in una cerimonia dal sapore molto istituzionale che si declina in iniziative paludate e prive di fascino: qualche dato riciclato da precedenti indagini, un po’ di alberi piantati qua e là (magari poco distante intanto sorgono nuovi ecomostri con il beneplacito delle stesse amministrazioni che concedono il patrocinio alla nuova forestazione) e, immancabili, appelli alle buone abitudini. Poca roba per richiamare l’attenzione dei cittadini e ancora meno per ottenere l’attenzione dei media, in genere interessati a parlare di ecologia soltanto quando c’è un po’ di catastrofismo da sbattere, se non proprio in prima, almeno in terza pagina. E qui vengo alla seconda ragione: le responsabilità di buon parte degli ambientalisti (categoria generica alla quale mi arrogo il diritto di appartenere, non tanto per avere militato e lavorato prima al Wwf e poi al Fai, quanto per il fatto che da oltre venticinque anni seguo con attenzione la materia). So che susciterò la reazione indignata di molti, ma occorre riconoscere che l’ambientalismo è campato grazie ad annunci choc e previsioni apocalittiche sul futuro che non sempre si sono rivelate corrette, o perlomeno non sempre sono state sostenute da adeguate prove scientifiche. Io stesso a vent’anni, animato dalle migliori intenzioni, ho concorso a diffondere allarmi. Prima c’è stata la grande paura per le piogge acide, poi negli Novanta abbiamo temuto per lo strato di ozono e infine nei primi dieci anni del nuovo millennio si è diffuso il panico per il riscaldamento globale. Se mi concedete ancora un poco di attenzione, vorrei approfondire l’esempio delle piogge acide. Negli anni Ottanta, il timore che l’inquinamento prodotto da fabbriche e automobili si trasformasse in piogge capaci di distruggere boschi, laghi e monumenti dilagò fra l’opinione pubblica. Oggi si sa che i danni subiti in quegli anni dalle foreste in Germania, Polonia e Repubblica Ceca erano dovuti all’inquinamento locale e una maggiore acidità è stata registrata solo nell’1% dei laghi europei. Inoltre il monitoraggio delle condizioni delle foreste condotto per iniziativa dell’UE  indica che rispetto agli anni ‘70 le emissioni di sostanze solforate e azotate (causa delle piogge acide) sono state ridotte del 70-80%, determinando un sensibile miglioramento delle condizioni di tutti gli ecosistemi continentali. La vicenda insegna che è necessario ogni tanto fare il punto sulle notizie, verificare dopo anni cosa è realmente successo. Più che allinearsi con la schiera degli ottimisti o con quella dei catastrofisti (ce ne sono tantissimi dell’una e dell’altra categoria su ogni argomento) serve informarsi e ragionare con la propria testa, esercitandosi a capire, con molti dubbi. Dimostrando così che la gente sa mobilitarsi e partecipare anche se il mondo non sta andando incontro ad una distruzione imminente.  Da qualche tempo l’ambientalismo si ritrova con il fiato corto, fatica a tenere alta l’attenzione dell’opinione pubblica perché si era abituato a ottenerla alzando la voce e il livello delle preoccupazioni. Rappresentare ogni attività umana come devastante per la Terra serve a poco, anzi a nessuno, perché alla fine sfianca anche i più convinti.

Annunci

5 thoughts on “Ieri è stata la Giornata Mondiale dell’Ambiente, ma in pochi se ne sono accorti. Perché?

  1. Io me ne sono accorta, ma non stò qui a decantare come; voglio solo dire che la maggior parte degli italiani, che tanto si proclamano ambientalisti, di fatto non lo sono proprio: scoccia fare la raccolta differenziata perchè ci vuole tempo a dividerla, non si usano mezzi alternativi perchè l’automobile è più comoda, non si va a piedi nenache per comprare le sigarette sotto casa, non si smette di fumare, non si curano neanche le proprie aree di verde, se necessario si tagliano alberi per fare spazio al cemento…e quante ne dovrei dire. Parlare è facile, agire non mi sembra gli corrisponda. Buonismo gratuito ma senza corrispondenza….

  2. Caro Mauro, invece di redigere un mio commento preferisco allegare due scritti che hanno colto la mia attenzione e che presumo ti piacera’ leggere. Il primo e’ una corrispondenza tra una giovane sensibile ai problemi globo e dei suoi abitanti, ed un pensatore, tale Filippo Schillaci, che risponde con garbo e schiettezza ai dubbi e domande di costei.
    Il secondo e’ esposizione in inglese (autore, Peter Goodchild) del disagio presente ed del suo ineluttabile peggioramento futuro. Quando avrai tempo e voglia, sarei lusingato di ricevere un riscontro. Grazie dell’attenzione.
    Paolo Sclarandis, Hammersmith, London, UK.

    paolosclarandis (chiocciola) gmail punto com.
    Schillaci: http://www.gondrano.it/diritti/vhemt.htm
    Goodchild: http://www.countercurrents.org/goodchild060612.htm

  3. A quest’articolo manca solo una cosa, ovvero una proposta costruttiva per l’ambientalismo. E’ vero, funziona poco quello di vecchio stampo e i tentativi di Greenpeace e altri per attualizzarlo tramite social networks o simili sta diventando quasi irritante, per non dire grottesco o patetico. Non oso immaginare quanto spendano in progetti di grafica e informatica per mettere su tutte quelle specie di videogames e giochi di ruolo tipo “Costruisci la tua barchetta virtuale per … ” aggiungi campagne a caso.
    Ma allora, che si fa ?
    Dobbiamo dare retta a Paul Krugman e metterla sull’economico ? Dire che CONVIENE e non più che SERVE ? Possibile.
    Oppure ci tappiamo nelle nostre comuni agricole lottando per l’autosufficienza ed alienandoci dalla società moderna ?
    Per quanto riguarda le varie “giornate” su temi ambientali credo siano piuttosto inutili in generale: è comodo fare gli ambientalisti una tantum, alla terra serve un impegno costante perchè non sta per succedere un unico disastro irreparabile, ma tanti piccoli disastrelli riparabili cambiando le nostre abitudini.

    O no ?

    • O sì. Indichi due strade molto differenti, ma entrambe rispettabili. La prima, riassumiamola nell’espressione green economy, può portare benefici condivisi, la seconda, la fuga verso una realtà bucolica, solo personali. Ciò che invece non serve più a nessuno sono i predicozzi pronunciati dietro la “credibilità” di una sigla. O no?

  4. Di problemi ambientali nello specifico non mi sono mai occupato, però cerco di essere attento a questa TERRA che appare un pò malata. Ciò detto, mi trovo in sintonia con quanto espresso nell’articolo; purtroppo le trombe su eventi di forte impatto non suonano a festa, anzi hanno qualche nota stonata.
    Massimo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...