BookCity Milano: aria di MinCulPop

Parto con un’ammissione: li attendevo al varco. Attendevo i dati “ufficiali” del numero dei partecipanti a BookCity, evento promosso dal Comune di Milano. Ero certo che sarebbero circolati numeri sospetti, non immaginavo che si arrivasse alla propaganda. Titola il Corriere della Sera: “Folla a Bookcity, 130 mila visitatori. Raddoppia la città dei lettori”. Per chi non lo sapesse, il Gruppo RCS figurava tra i promotori dell’iniziativa. Ora non voglio tediarvi con cifre e percentuali per non cadere nel ridicolo balletto di numeri fra manifestanti e questura che segue ogni manifestazione. Però non posso nemmeno tacere l’evidenza. Sabato pomeriggio ho assistito alla conferenza di Jamie Ford, autore de “Il gusto proibito dello zenzero”, milioni di copie vendute in tutto il mondo. Si è svolta alla Sala delle otto colonne di Palazzo Reale, di fianco al Duomo, in uno dei luoghi più centrali, prestigiosi e noti fra quelli che ospitavano gli eventi di BookCity. Pubblico presente: 90 persone. Quando si entrava a Palazzo Reale non c’era nessun cartello evidente che informasse dell’evento e il personale in servizio rilasciava informazioni confuse e imprecise.
Villa Necchi Campiglio, elegante e raffinata dimora del Fai, anch’essa nel cuore di Milano, ha ospitato 4 conferenze dedicate al giardinaggio e alla natura: totale dei partecipanti 100, per una media di 25 persone a ciascun incontro.
200 persone per 5 eventi, e non 5 eventi qualsiasi, bensì ospitati in sedi di prestigio. Una media di 40 partecipanti, che moltiplicata per 650 eventi (tanti erano più o meno quelli in programma) dà un totale di 26.000 visitatori. Possiamo essere clementi e accettare che qualche conferenza abbia clamorosamente alzato la media. È comunque davvero difficile credere che il numero di persone che hanno assistito, anche magari solo per qualche minuto, agli incontri proposti da BookCity 2013 sia stato superiore a 35.000/40.000. Figuriamoci 130mila! Non ci arriva neppure se ci mettiamo quelli che erano già in giro per lo shopping natalizio e si sono affacciati per errore a un evento, magari solo per sorseggiare un po’ dei 50 litri di vin brûlé distribuiti. Sì, sì, ben 50 litri, lo hanno fatto sapere con solerzia gli organizzatori.
L’anno passato, prima edizione, i visitatori, sempre secondo gli organizzatori, furono 80mila. Dunque se fossero davvero raddoppiati, come titola il Corriere, oggi avremmo dovuto festeggiare 160mila partecipanti, non 130mila. Ma il problema, come ho tentato di spiegare, è che anche 130mila se li sono solo sognati il Comune di Milano, Rcs e la pletora di grandi sponsor, banche, assicurazioni, società energetiche, che hanno sostenuto la kermesse. L’unica folla che si è vista durante il weekend per le strade di Milano era quella assiepata in Corso Vittorio Emanuele, di fronte allo Swatch Store, per vedere Mika che presentava l’orologio Mika 4 Swatch, lo Swatch Kukulakuku. Un nome profetico, che invita a salutare i promotori di BookCity così: Cucù, e il pubblico non c’è più.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...