Un Paese senza memoria celebra la Giornata della Memoria

Gabriele Nissim, giornalista, saggista e storico italiano, ha affermato in un editoriale: “L’Italia ha molti difetti, ma non c’è un Paese d’Europa dove il giorno della Shoah sia così sentito”. Bene. In effetti quasi non c’è amministrazione comunale (piccola o grande) che non organizzi una ricorrenza pubblica per il 27 gennaio; e giornali, televisioni e testate online propongono servizi, interviste, reportage. Insomma, sembrerebbe proprio che almeno questa volta abbiamo fatto bene.
Ma per comprendere l’efficacia di una celebrazione occorre guardarsi attorno, cioè al di fuori dai luoghi stessi dove la ricorrenza si autoalimenta. Lo scorso dicembre nella trasmissione – quiz di Rai Uno, L’Eredità, è accaduto questo.

Ora  molti di voi diranno: ma quei concorrenti non rappresentano l’Italia intera. Certo, ma è altrettanto vero che essi ne rappresentano una buona fetta. Se la Giornata della Memoria diventa solo un luogo in cui le istituzioni si specchiano, un’occasione per vuoti proclami politici e per celebrazioni a bassa partecipazione popolare, la trasmissione del passato nel nostro Paese continuerà a non funzionare. «Noi siamo un paese senza memoria»– constatava amaramente Pier Paolo Pasolini – ed aggiungeva: «Il che equivale a dire senza storia». 

Annunci

One thought on “Un Paese senza memoria celebra la Giornata della Memoria

  1. Pingback: Ironia della sorte | il ricciocorno schiattoso

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...